Omicidio di West Memphis: era il 6 maggio 1993

Il 6 maggio 1993 la polizia scopre tre bambini di otto anni uccisi, mutilati e legati in un fosso a Memphis, in Arkansas. Gli investigatori catturano rapidamente tre adolescenti sospetti che si credono satanisti. Guarda lo speciale su discovery+.

Uno dei crimini più agghiaccianti nella storia degli Stati Uniti. È il 6 maggio 1993 quando la polizia trova i corpi di tre bambini di otto anni uccisi, mutilati e legati in un fosso a Memphis, in Arkansas. Per questa immane tragedia vengono accusati e successivamente condannati coloro che passeranno alla storia come i tre di West Memphis, ovvero Damien Echols, Jessie Misskelley Jr. e Jason Baldwin che all'epoca era solo adolescenti. Ma sono davvero loro i colpevoli? Ricostruiamo quanto successo grazie allo speciale disponibile su discovery+.  

 

LA SETTA DI WEST MEMPHIS: GUARDA ORA LO SPECIALE SU DISCOVERY+ 

 

È il 5 maggio 1993, siamo a West Memphis (in Arkansas). Sono circa le 20 quando la polizia riceve la chiamata di un cittadino, John Byers, preoccupato perché il figlio Christopher di 8 anni non è ancora tornato a casa. Scende la notte, di Christopher non c’è traccia e John Byers e sua moglie Melissa sono sempre più in ansia. Così arriva sul posto un’agente esperta della sezione volanti, Regina Meeks, che chiede a John Byers di ricostruire gli ultimi momenti passati col figlio. L’uomo fa un’ammissione importante e confessa all’agente di aver dato a Christopher un paio di colpi con la cinta perché lo aveva scoperto sullo skateboard per strada. John teme quindi che il figlio si sia allontanato per ripicca e abbia paura di tornare a casa. Regina Meeks prende nota e si mette immediatamente alla ricerca di Christopher. Nel frattempo arriva alla polizia un’altra telefonata da un ristorante che si trova lungo la statale. L’agente Meeks è lì vicino e arriva subito. Alla locanda le riferiscono che un uomo afroamericano, in stato confusionale e ricoperto di sangue, è appena stato lì prima di allontanarsi verso il bosco. Le dicono che è stato anche in bagno lasciando evidenti tracce ematiche. Incredibilmente l’agente Meeks non scende neanche dalla macchina e continua la ricerca del piccolo Christopher. Alle 21.24 arriva la terza segnalazione che la riporta nel quartiere dei Byers. Stavolta a chiamare la polizia sono Todd e Dana Moore, che abitano sulla stessa strada dei Byers e che proprio come i Byers non trovano più loro figlio, Michael, visto l’ultima volta alle ore 18 insieme a due amici. Michael era in compagnia di Christopher Byers e di un altro bambino del quartiere, Stevie Branch. 

 

ATTIVA ORA DISCOVERY+

 

Ormai è quasi notte e i genitori sono terrorizzati. Ma non solo loro. In tutta la comunità si diffonde infatti un clima di tensione crescente. La voce della scomparsa dei tre bambini si è ormai sparsa. Alcuni residenti si fanno avanti e dicono di aver visto i tre bambini in bicicletta in una strada sterrata che finisce dove inizia il bosco. In tanti si addentrano in piena notte nell’area boschiva alla ricerca dei ragazzi. Ma la polizia non coordina le ricerche e così regna il caos. La ricerca è difficile, molto difficile. È un’impresa vedere e orientarsi in quell’area boschiva. Dei bambini non c’è traccia, le ricerche vengono interrotte prima di riprendere la mattina successiva. Viene coinvolto anche l’ufficio dello sceriffo e non si contano nemmeno i volontari che si offrono per trovare i tre ragazzini. Le ricerche si intensificano, con la polizia locale che si serve anche di un elicottero. Vengono interrogate nuovamente le famiglie dei bambini che erano tutti nella stessa classe. Una volta raccolte tutte le informazioni, le ricerche continuano in maniera frenetica, quasi disperata. Almeno 50 tra agenti e volontari stanno cercando i bambini nel bosco, diviso in due da un piccolo canale. Improvvisamente l’agente Steve Jones vede qualcosa: una scarpa senza lacci che galleggia nel canale. Un altro agente arriva sul posto ed entra in acqua, si spinge al centro del canale e fa una scoperta terrificante. Trova infatti il corpo nudo, legato e straziato di Michael Moore, che presenta lividi e ferite ovunque. Poco lontano vengono poi trovati anche i cadaveri di Stevie Branch e Christopher Byers: tutti sono legati e presentano segni di violenti percosse. La sparizione dei tre ragazzi diventa così un caso di triplice omicidio. Ricostruiamo quanto successo grazie allo speciale disponibile su discovery+

 

*** 

Scopri discovery+, il servizio a pagamento che ti permette di guardare il meglio dei contenuti Discovery, in esclusiva e in anticipo rispetto alla TV. Con discovery+ avrai l’intero catalogo senza pubblicità, e potrai guardare i tuoi programmi preferiti dove vuoi e quando vuoi. Provalo subito!

I più visti su Discovery Channel Discovery+