Come Vederci

Discovery Channel è visibile in esclusiva su Sky ai canali 401, 402 e in versione HD.

TUTTI I CANALI DI DISCOVERY ITALIA CHE PUOI TROVARE SU SKY:

Discovery Channel (SKY canale 401, 402 e in HD) 

Discovery Science (SKY canale 405)

Da Galileo Galilei a... Gli eroi del telescopio Hubble

Il 25 agosto 1609 Galileo Galilei si rese protagonista di una rivoluzione nel mondo dell'astronomia presentando il cannocchiale. Più di 400 anni dopo c'è chi ha seguito le sue orme...

Un uomo straordinario che ha dato un contributo immenso alla ricerca scientifica. Galileo Galilei è stato uno dei più grandi scienziati e filosofi italiani. In questi giorni è inevitabile parlare di lui visto che il 25 agosto 1609 presentò al governo veneziano il cannocchiale dando il via a un’autentica rivoluzione nel mondo dell'astronomia. Per celebrare al meglio questa ricorrenza diamo spazio a chi 400 anni dopo ha seguito le sue orme. Parliamo de “Gli eroi del telescopio Hubble”. Su Dplay Plus raccontiamo la storia di chi con coraggio e dedizione ha dato tutto per conquistare lo spazio.

INGEGNERIA DELLO SPAZIO - GLI EROI DEL TELESCOPIO HUBBLE: GUARDALO SU DPLAY PLUS SENZA PUBBLICITà

Lo stesso coraggio e la stessa dedizione li ha mostrati Galileo Galilei durante tutta la sua vita. Ed è proprio di lui che andremo a parlare. Nato a Pisa nel 1564, nel 1581 si iscrive alla Facoltà di Medicina di Pisa dove inizia a coltivare la sua passione per la matematica. Appena otto anni dopo ottiene la cattedra di matematica presso la stessa università dove insegnerà per 3 anni. A partire dal 1592 insegna all’Università di Padova. A questo periodo risale la sua relazione con Marina Gamba da cui avrà tre figli. Il 1609, come detto, è un anno storico: le sue scoperte in campo ottico gli permettono infatti di costruire il cannocchiale, uno strumento con cui può valutare la validità delle teorie dello scienziato polacco Niccolò Copernico secondo cui la terra era collocata in un sistema con il sole al centro.

Nel 1610 pubblica il "Sidereus Nuncius", trattato di astronomia in cui espone le scoperte scientifiche fatte grazie al cannocchiale. Scoperte che sono però in contrasto con le tesi tradizionali dell’astronomia greca secondo cui la terra era al centro dell’universo. Per questo Galileo Galilei viene denunciato (non condannato) nel 1615 come eretico. Nel 1623 porta a termine una delle sue più grandi opere, Il Saggiatore, la cui vera forza risiede nell’utilizzo di un nuovo metodo basato sull’esperimento e sulle osservazioni e non sui testi e sulle letture. Del 1632 è invece il "Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo, tolemaico e copernicano", trattato scientifico che viene contestato e sequestrato dai gesuiti e dall’Inquisizione nonostante l’enorme successo ottenuto.

Qui le teorie rivoluzionarie di Galileo emergono prepotentemente in tutta la loro potenza e lo mettono nei guai. Nella primavera del 1633 inizia infatti il processo al Sant’Uffizio a Roma che si conclude con la condanna per eresia e l’abiura dello scienziato, costretto a negare le sue scoperte e a trasferirsi in quel di Siena. Alla fine del 1634 gli viene concesso il ritiro nella sua casa di Arcetri, vicino Firenze. Qui perde la vista ma riesce a pubblicare la sua ultima opera, “Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze”. In questo trattato capolavoro, completato nel 1638, tratta le basi della fisica, la dinamica dei movimenti e la scienza delle costruzioni. Galileo muore nel gennaio del 1642 dopo una vita di invenzioni e intuizioni che non periranno mai. Nel 1736 viene sepolto nella Basilica di Santa Croce a Firenze come Machiavelli e Michelangelo. 

***

Scopri Dplay Plus, il servizio a pagamento di Dplay che ti permette di guardare il meglio dei contenuti Discovery, in esclusiva e in anticipo rispetto alla TV. Con Dplay Plus avrai l’intero catalogo senza pubblicità, e potrai guardare i tuoi programmi preferiti dove vuoi e quando vuoiI primi 14 giorni sono gratis per i nuovi abbonati, provalo subito!