Adolf Hitler si trasferisce nel suo bunker sotterraneo: era il 16 gennaio 1945

Il 16 gennaio 1945 Adolf Hitler decise di trasferirsi nel cosiddetto Führerbunker insieme al suo segretario Martin Bormann, a Eva Braun e a Joseph Goebbels. A distanza di 76 anni da quel giorno, guarda su discovery+ "I bunker di Hitler".

Il Führerbunker. Questo il nome del complesso sotterraneo costruito a Berlino durante la Seconda Guerra mondiale. Ed è qui che il 16 gennaio 1945 si rifugiò Adolf Hitler insieme al suo segretario Martin Bormann, a Eva Braun e a Joseph Goebbels che portò anche la moglie e i sei figli. Alla fine nel bunker trovarono posto decine di persone tra medici e componenti dell'amministrazione del governo. Non mancavano cibo né altri beni di prima necessità, c'era tutto per sopravvivere. Ma la capitale tedesca era ormai circondata dall'Armata Rossa e così tra il 22 e il 23 aprile le prime persone iniziarono ad abbandonare il bunker. Non Hitler che ci rimase fino al 30 aprile quando si suicidiò ingerendo una dose di cianuro dopo aver fatto fatto la stessa cosa a Eva Braun. A distanza di 76 anni dal giorno in cui Hitler si rifugiò nel suo bunker, puoi guardare su discovery+ "I bunker di Hitler", la serie che racconta i misteri e i segreti ancora inesplorati delle basi di Hitler situate in Polonia.

 

I BUNKER DI HITLER: GUARDA TUTTE LE PUNTATE SU DISCOVERY+ 

 

La Seconda Guerra mondiale non ha svelato tutti i suoi segreti: molti sono ancora nascosti nei rifugi di Adolf Hitler. Dei bunker dove sono state prese decisioni che hanno segnato il destino del mondo e da cui uno dei più grandi criminali della storia ha guidato le sue armate in un folle sogno di conquista. Ma facciamo un grande passo indietro. Dopo la capitolazione della Francia e i successi nei Balcani, Adolf Hitler si sente tanto sicuro e potente da ignorare i consigli dei suoi generali e lanciare l’invasione dell’Unione Sovietica. Mentre le nazioni d’Europa cadono una dopo l’altra sotto il suo potere, Hitler si sente sempre di più l’uomo del destino. Il 5 ottobre 1939 è ormai il padrone del continente e pensa di potere conquistare il resto del mondo. All’inizio del 1940, in vista della grande invasione, ordina la costruzione di tre quartieri generali segreti che saranno chiamati Anlage Sud, Anlage Mitte e Wolfsschanze (ovvero “la Tana del lupo”). Quest’ultimo viene costruito in previsione di una nuova guerra lampo, destinata a concludersi vittoriosamente in pochi mesi. Nessuno immagina che alla fine Hitler trascorrerà qui oltre 800 giorni e per tre anni comanderà da qui la macchina bellica tedesca. La collocazione dei quartieri generali di Hitler è perfetta. Si tratta di costruzioni protette dalle truppe e difese da mura in cemento armato spesse fino a 10 metri. Il tutto per garantire l’incolumità del Führer. Eppure è proprio nella “Tana del lupo” che ha luogo il più famoso tentativo - fallito - di assassinare Hitler. Non il primo, visto che più volte era miracolosamente scampato alla morte. 

 

PROVA GRATIS DISCOVERY+ 

 

La “Tana del lupo” diventa la sede non ufficiale del governo dove Hitler tiene riunioni e soprattutto dirige l’invasione. Situato in una foresta di conifere della Prussia orientale, il bunker viene costruito qui perché relativamente vicino al confine sovietico e perché era difficilmente accessibile e quindi difendibile senza troppi sforzi. Il quartier generale di Hitler è diviso in tre zone di sicurezza e vi lavorano 2500 persone. Le uniche donne ammesse sono le stenografe e le stenotipiste. Persino Eva Brown non metterà mai piede qui. Insomma, è una vera e propria città nella foresta completamente autosufficiente, con strade asfaltate e dotate di illuminazione elettrica, una rete idrica e fognaria e un impianto di depurazione degli scarichi. I residenti hanno inoltre a disposizione due sale da tè, un casinò, una sauna, un barbiere e persino un cinema. Ma come detto il vero punto di forza della “Tana del lupo” è la collocazione strategica che sembra favorire il disegno di Hitler. Sembra. Perché cinque anni dopo, nella primavera del 1945, Adolf Hitler si troverà a trascorrere le ultime settimane della sua vita nel Führerbunker, l'ultimo dei luoghi servito da quartier generale. Scopri tutti i misteri e i segreti ancora inesplorati delle basi di Hitler grazie alla serie "I bunker di Hitler" che puoi guardare su discovery+!

 

***  

Scopri discovery+, il servizio a pagamento che ti permette di guardare il meglio dei contenuti Discovery, in esclusiva e in anticipo rispetto alla TV. Con discovery+ avrai l’intero catalogo senza pubblicità, e potrai guardare i tuoi programmi preferiti dove vuoi e quando vuoi. Provalo subito!

I più visti su Discovery Channel Discovery+